Transizione 4.0, il credito d’imposta si può utilizzare anche negli anni successivi?

  • Postato da: Redazione
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito
https://www.innovationpost.it/wp-content/uploads/2019/12/business-861325_1280-300x225.jpg

Da gennaio 2021, quando l’Agenzia delle Entrate introdurrà gli appositi codici tributo, si potranno utilizzare sia i crediti d’imposta maturati con gli investimenti in beni strumentali effettuati dall’1 gennaio del 2020 secondo la prima edizione del piano Transizione 4.0, sia quelli maturati nell’anticipo della nuova edizione del piano per gli investimenti effettuati dal 16/11/2020. Ma ora che i crediti d’imposta introdotti dal piano Transizione 4.0 diventano effettivamente spendibili, emerge in tutta la sua importanza anche la necessità di risolvere una questione alla quale, finora, non è stata data una risposta ufficiale, nemmeno in uno dei tanti interpelli dell’Agenzia delle Entrate.

Come è noto, il sistema dei crediti d’imposta prevede la possibilità, in caso di acquisto di un bene strumentale materiale (per esempio), in 5 rate di pari importo (normativa 2020) o in 3 rate di pari importo (normativa 2021). I 3 anni dell’attuale versione del Piano Transizione 4.0, poi si riducono a 1 solo anno per le imprese con fatturato inferiore ai 5 milioni di euro e per i soli beni materiali non 4.0. La quesitone da più parti sollevata è che cosa accada nel caso in cui, a fronte di una determinata quota annuale di spettanza, l’azienda o il professionista non fossero in grado di recuperare l’intera quota entro l’anno di spettanza.

Sebbene infatti i crediti d’imposta possano essere utilizzati in compensazione di praticamente qualsiasi tipo di versamento da effettuare tramite F24 (IVA, altre imposte e tasse, ritenute di acconto ecc.), può ben darsi il caso di aziende che abbiano diritto a un credito d’imposta che supera le loro capacità di recupero, soprattutto nel caso dei beni materiali non 4.0 in cui il recupero del beneficio avviene, a partire da quest’anno, interamente nell’anno stesso dell’effettuazione dell’investimento. Potrebbe essere, per esempio, il caso degli imprenditori agricoli o dei professionisti che non hanno dipendenti.

 

Continua a leggere questo articolo pubblicato su Innovationpost.it

Autore: Redazione