PNRR, al via il Centro Nazionale di supercalcolo

Postato da: Redazione
Categoria: Attualità
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito
https://www.innovationpost.it/wp-content/uploads/2017/03/High-Performance_Computing-300x199.jpg

Con l’insediamento degli organi direttivi della Fondazione ICSC (che gestirà il Centro) prende via il progetto del Centro Nazionale di Ricerca in High Performance Computing, Big Data e Quantum Computing (ICSC), una delle strutture previste dalla missione “Istruzione e Ricerca” del Piano nazionale di ripresa e resilienza, che ha stanziato per i cinque centri un investimento di 1,6 miliardi di euro.

Proposto dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), il Centro nazionale di supercalcolo conta 51 membri fondatori distribuiti su tutto il territorio nazionale, provenienti dai settori pubblico e privato, dal mondo della ricerca scientifica e dell’industria.

Dopo il via al Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile, nel mese di giugno, la prima assemblea plenaria della Fondazione ICSC ha rappresentato il kick off del Centro per il supercalcolo, con l’elezione di Antonio Zoccoli (presidente dell’Infn), alla presidenza della Fondazione e dei dieci membri del Consiglio di Amministrazione: Emilio Fortunato Campana del Cnr; Paolo Maria Mancarella dell’Università di Pisa; Francesco Scarcello dell’Università della Calabria; Donatella Sciuto del Politecnico di Milano; Simona Tondelli dell’Università di Bologna; Francesco Ubertini del Cineca; Matteo Laterza di UnipolSai; Elisabetta Oliveri di Autostrade per l’Italia; Andrea Quacivi di Sogei; Francesca Zarri di Eni.

Il nuovo Centro Nazionale avrà base al Tecnopolo di Bologna, una cittadella dell’innovazione promossa dalla Regione Emilia-Romagna, anche grazie a investimenti del Governo Italiano e della Comunità Europea – che già ospita il Data Center del Centro Meteo Europeo (ECMWF) e a breve accoglierà il supercalcolatore Leonardo gestito da Cineca, e il Centro di Calcolo dell’Infn –, e metterà in rete e a sistema le specifiche conoscenze, competenze e risorse di realtà che operano in tutta Italia in molteplici ambiti, con l’obiettivo di costruire un’infrastruttura distribuita e trasversale che supporti la ricerca scientifica e il mondo produttivo nell’innovazione e digitalizzazione del Paese.

 

Continua a leggere questo articolo pubblicato su Innovationpost.it

Autore: Redazione