Piano Transizione 4.0, i correttivi dovrebbero arrivare ad aprile

  • Postato da: Redazione
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito
https://www.innovationpost.it/wp-content/uploads/2021/03/giorgetti-300x200.jpg

Dovrebbe giungere con un decreto di prossima emanazione, ad aprile, l’atteso provvedimento di chiarimento sul Piano Transizione 4.0, necessario per risolvere alcune incongruenze contenute nel testo, come la questione delle coperture (servono almeno 4 miliardi per coprire il “buco” presente in Legge di Bilancio) e gli errori che sono stati fatti durante la stesura della legge.

A suggerire la timeline è stato il Ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, nell’ambito del primo confronto sul tema delle attività produttive con le Regioni, dove ha annunciato che un prossimo decreto conterrà anche “nuove misure sul credito per le aziende” (sic). Il decreto si baserà sulle risorse che il Parlamento concederà sulla base di una nuova richiesta di deficit che, come aveva già spiegato il presidente del consiglio Mario Draghi, il Governo chiederà in coincidenza con la presentazione il DEF, che deve essere presentato entro il 10 aprile.

I chiarimenti sul piano Transizione 4.0 erano già attesi in concomitanza del varo del decreto sostegni durante il Consiglio dei Ministri del 19 marzo scorso (in una prima bozza era presente anche un articolo poi stralciato). Come abbiamo già descritto in dettaglio in questo articolo il provvedimento dovrà risolvere alcuni dei nodi lasciati aperti dal piano Transizione 4.0 licenziato dal Parlamento nella scorsa Legge di Bilancio, tra cui:

il nodo delle coperture finanziarie. Ricordiamo che nella Legge di Bilancio 8,4 miliardi dei 23, 8 necessari a finanziare il Piano Transizione 4.0 (finanziati con parte dei fondi del Recovery destinati all’Italia) sono stati assegnati al rafforzamento per due anni del credito d’imposta per l’acquisto dei beni strumentali semplici, non 4.0. Una mossa che non è piaciuta a Bruxelles, che ha specificato nelle settimane successive che i fondi del Recovery non possono essere utilizzati per quel tipo di compensazione, non in linea con gli obiettivi di digitalizzazione.

Continua a leggere questo articolo pubblicato su Innovationpost.it

Autore: Redazione