L’Energy Efficiency Movement pubblica il primo “Manuale dell’efficienza energetica nell’industria”

Postato da: Redazione
Categoria: Attualità
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito
https://www.innovationpost.it/wp-content/uploads/2022/11/HI2_Hero_image_landing_1280x720-300x169.jpg

Mentre le aziende di tutto il mondo devono affrontare pressioni senza precedenti per il costo dell’energia e l’emergenza del cambiamento climatico, un nuovo report dell’Energy Efficiency Movement, un forum globale di circa 200 organizzazioni che condividono idee, best practice e iniziative per creare un mondo più efficiente dal punto di vista energetico, mostra come migliorare l’efficienza energetica nell’industria sia il modo più rapido ed efficace con cui un’azienda può abbattere i costi energetici e le emissioni di gas serra.

Pubblicato oggi, il “Manuale dell’efficienza energetica nell’industria” illustra 10 interventi che un’impresa può attuare per migliorare la propria efficienza energetica, ridurre i costi per l’energia e abbattere le emissioni, fin da subito. Il documento punta l’attenzione su soluzioni tecnologiche mature e largamente disponibili che offrono risultati e Roi rapidi e che possono essere adottate su larga scala.

“L’efficienza energetica è una strategia vincente sia per le aziende sia per il clima”, afferma Kevin Lane, senior program manager per l’efficienza energetica presso la International Energy Agency (Iea). “Mentre l’industria è chiamata a combattere il cambiamento climatico su tutti i fronti, ad esempio aumentando l’uso di fonti rinnovabili, investendo in processo a basso contenuto di carbonio e sviluppando modelli di business circolari, l’efficienza energetica si contraddistingue come l’opportunità che offre le migliori prospettive a breve termine per la riduzione delle emissioni. I 10 interventi descritti nel report sono risorse note a costi accessibili e possono essere messi in atto su larga scala in tempi rapidi, per aiutare le imprese a trasformare le loro ambizioni climatiche in azioni concrete”.

Continua a leggere questo articolo pubblicato su Innovationpost.it

Autore: Redazione