La digital transformation secondo Vhit: Ia a bordo macchina e Plc virtualizzati

Postato da: Redazione
Categoria: Attualità
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito

Edge server e Local Ai sono probabilmente la nuova combinazione vincente nel mercato dell’It. La potenza di calcolo sviluppata da un edge server, infatti, permette di far girare algoritmi di intelligenza artificiale praticamente a bordo macchina, consentendo di analizzare enormi quantità di dati provenienti dai sensori in tempo reale, senza la latenza tipica di sistemi basati su cloud. Ma si può fare anche di più: adottando adeguati software di virtualizzazione, un edge server può sostituire decine di Pc industriali, o addirittura fare le veci dei Plc. Questo almeno per la parte digitale, che viene virtualizzata sul server e bypassata nel dispositivo reale, connettendo il server direttamente alla parte che si occuperà poi di interfacciarsi con la macchina. È proprio un’installazione di questo tipo che da qualche tempo opera con successo nello stabilimento di Vhit, azienda lombarda specializzata nella produzione di componentistica per il mercato automotive – in particolare, pompe per l’olio e pompe per il vuoto.

Del case study di Vhit avevamo fatto cenno in una recente intervista (Dall’iperconvergenza all’edge computing e all’Intelligenza artificiale. Conversazione a 360 gradi con Massimo Chiriatti (Lenovo) tra i massimi tecnologi italiani – industria italiana) con Massimo Chiriatti, Lenovo Chief Technical Innovation Officer. Lenovo, multinazionale dell’informatica da 70 miliardi di dollari, ricopre un ruolo importante in questa applicazione, in quanto fornitore dell’infrastruttura It, costituita da edge server dotati di schede Gpu per l’AI, e con a bordo la piattaforma di virtualizzazione Lynx. Vhit, che arrivava da una lunga esperienza di utilizzo dei metodi di Lean Manufacturing, ha iniziato un percorso di trasformazione digitale nel 2016, partendo da un assunto: i dati archiviati non servivano a nulla, essi andavano raccolti in tempo reale, trasformati in informazioni e analizzati “qui e ora” per essere veramente d’aiuto nel prendere decisioni corrette e tempestive.

 

Continua a leggere questo articolo pubblicato su industriaitaliana.it

Autore: Redazione