Industrial IoT e integrazione meccanica: le nuove parole d’ordine delle macchine utensili e automatiche

  • Postato da: Redazione
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito

 

Fornitori di tecnologia e utenti finali alla ricerca del nuovo Eldorado della macchina utensile e automatica per creare nuova produttività ed efficienza basata sull’analisi dei dati. Il Forum Meccatronica porta alla luce soluzioni che ribaltano il classico paradigma della produzione, estendendo il digitale a una pluralità di nuovi scenari applicativi basati sull’Industrial Iot e sull’integrazione meccanica, elettronica e informatica. Dalla piattaforma Noa di Keb Automation focalizzata sull’efficientamento di processo al virtual commissioning di Siemens per la simulazione in digital twin di un plant per l’E-logistic; dai sensori avanzati Io-Link di Balluff per il condition monitoring alle cpu multicore di Rockwell Automation per la gestione multidisciplinare di una macchina per il confezionamento di boccette di profumo; dalle soluzioni Rittal ed Eplan per la riconversione del plant dedicato alla produzione di quadri elettrici agli encoder multidimensionali di Heidenhain per la manifattura multiasse di precisione. Ecco alcune delle più interessanti novità di cui si è parlato nel corso dell’evento promosso dal Gruppo Meccatronica di Anie Automazione in collaborazione con Messe Frankfurt Italia.

Heidenhain è sinonimo di manifattura di precisione. La multinazionale tedesca della tecnologia di misura e controllo sviluppa e produce sistemi di misura lineari e angolari, trasduttori rotativi, visualizzatori di quote e controlli numerici per funzioni di posizionamento evolute. Le applicazioni principali di Heidenhain, oltre che nelle macchine utensili, si concretizzano nei robot, nei sistemi di retroazione su motori, negli apparecchi di misura e di controllo. Il controllo diretto di un sistema permette di monitorarne il processo, verificare se vi sono delle derive, con acquisizioni dati via interfaccia EnDat 3 che determinano un miglioramento continuo della qualità.

 

Continua a leggere questo articolo pubblicato su industriaitaliana.it

Autore: Redazione