Incentivi per l’elettronica innovativa: fino a 2,5 milioni a sostegno di progetti di imprese e centri di ricerca

Postato da: Redazione
Categoria: Attualità, MISE
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito
https://www.innovationpost.it/wp-content/uploads/2020/04/Schermata-2020-04-29-alle-11.17.09-300x183.png

A partire dal 28 aprile e fino al 16 maggio le imprese italiane potranno presentare domanda per richiedere incentivi a sostegno della ricerca, progettazione e produzione di elettronica innovativa: sono 10 milioni le risorse messe a disposizione in questa fase dal Mise, nell’ambito dei bandi emanati nel 2021 che rientrano nell’iniziativa europea KDT JU (Key Digital Technologies Joint Undertaking).

La KDT JU (Key Digital Technologies Joint Undertaking) è una partnership che supporta ricerca e innovazione nella progettazione di componenti elettronici, nonché la loro produzione e integrazione in sistemi intelligenti. La partnership è stata istituita con il Regolamento (UE) del 19 novembre 2021, n. 2021/2085 del Consiglio, ha come obiettivi generali:

sostenere l’industria europea dei componenti e dei sistemi elettronici all’avanguardia tecnologica rafforzare l’autonomia strategica dell’Unione in materia di componenti e sistemi elettronici per sostenere le esigenze future delle industrie e dell’economia in generale contribuire a raddoppiare il valore della progettazione e produzione di componenti e sistemi elettronici in Europa entro il 2030, in linea con il peso dell’Unione in prodotti e servizi

I membri fondatori della Joint Undertaking sono la Commissione Europea, gli Stati membri o associati che ne hanno fatto richiesta (tra cui l’Italia), le associazioni industriali no profit AENEAS, INSIDE ed EPOSS e i soggetti industriali europei rappresentati dalle predette associazioni.

La KDT JU rappresenta il successore della ECSEL JU, alla quale il Ministero partecipa dal 2016. Per l’intervento “Partenariati-Horizon Europe” sono stati stanziati complessivamente 200 milioni di euro, a valere sulle risorse del PNRR (Missione 4, Componente 2, Tipologia Investimento, Intervento 2.2).

L’obiettivo è rafforzare l’autonomia strategica dell’Italia e dell’Unione europea nei componenti e sistemi elettronici all’avanguardia, al fine di agevolare il trasferimento tecnologico verso il mondo dell’impresa di piattaforme di sensori innovativi basati sull’Intelligenza Artificiale.

I fondi sbloccati dal decreto direttoriale del 24 marzo 2022 si rivolgono a finanziare le attività previste dai bandi: Innovations Actions, relativo ad attività che mirano all’introduzione di tecnologie o metodi, linee pilota, banchi di prova, dimostratori, piloti di innovazione e zone di test su scala reale; RIA IA, (Research and Innovatons Actions) focus topic 1, che ha come obiettivo lo obiettivo di Sviluppo di building block industriali qualificati open-source; RIA focus topic 1, con l’obiettivo di sostenere progetti di elaborazione di strumenti AI a livello Edge, inerenti allo stack di progettazione e al Middleware.

Continua a leggere questo articolo pubblicato su Innovationpost.it

Autore: Redazione