I segreti di Nvp, il super high-tech per le trasmissioni sportive

  • Postato da: Redazione
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito

 

C’è un altro oro da aggiungere al palmares italiano da record di Tokyo 2021. Lo ha vinto, senza i clamori della cronaca, Nvp, una società di produzione televisiva chiavi in mano specializzata in eventi sportivi. Dietro ogni grande produzione tv – non solo sportiva – ci sono aziende che si occupano delle riprese, della post produzione, della confezione di un contenuto. Dei servizi, del personale e della tecnologia di Nvp si avvalgono network televisivi nazionali ed internazionali (Dazn, Mediapro, Mediaset, Sky Italia, Rai, Uefa), produttori di contenuti (Endemol, Magnolia) nonché numerose federazioni sportive, italiane ed internazionali (Olimpic Broadcast Service, Eurosport). Nvp è in Italia la società di riferimento per la trasmissione in 4K hdr, grazie a un modello di business unico che copre la filiera in maniera completa. Partendo dalla connettività sul luogo delle riprese, occupandosi della produzione tv (dal monocamera fino alle complesse regie mobili in 4K hdr), passando per il processo di codifica, editing, distribuzione e diffusione dei contenuti su diversi terminali.

Un modello di business che è possibile perché Nvp si occupa in house della creazione delle tecnologie, sia per la parte hardware sia per quella software e per le interfacce, e cura direttamente anche la formazione del personale altamente specializzato che queste tecnologie le maneggia. Tutto ciò viene portato nel luogo dell’evento attraverso regie mobili di 90 mq che viaggiano su ruote. «Ci siamo posizionati laddove si stava creando una domanda nuova di mercato: i grandi network televisivi, non riescono ad ammortizzare i necessari investimenti per stare dietro alla tecnologia, che evolve a ritmo vertiginoso e così preferiscono esternalizzare ad aziende come noi che sono specializzate, avvantaggiandosi per altro di un costo flessibile.

 

Continua a leggere questo articolo pubblicato su industriaitaliana.it

Autore: Redazione