I lavori del futuro: le professioni e le competenze più richieste di qui al 2022 secondo il WEF

  • Postato da: Redazione
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito

Dal Data Scientist all’ingegnere del Cloud, dall’esperto di Intelligenza Artificiale al Chief sustainability officer, dal Product analyst fino al preparatore atletico: sono 96 i lavori del futuro secondo lo studio pubblicato dal World Economic Forum (WEF) col titolo Jobs of Tomorrow: Mapping Opportunity in the New Economy”. Queste professioni emergenti, che il mercato richiederà in misura crescente, sono raggruppabili in 7 categorie: Data & AI, Care Economy, Green Economy, Engineering & Cloud Computing, People & Culture, Product Development, Sales, Marketing & Content. Secondo il WEF (che ha usato dati di LinkedIn e Burning Glass Technologies) creeranno 1,7 milioni di nuovi posti di lavoro a fine 2020 e continueranno a crescere aprendo 6,1 milioni di opportunità di impiego di qui al 2022. Questi lavori del futuro richiederanno un preciso set di competenze sia tecniche (skill digitali) sia di business sia “umane” (soft skill).

Digitale e fattore umano procedono in tandem

Le tecnologie digitali sono l’elemento che accomuna molte delle professioni emergenti, ma l’interazione tra persone sarà altrettanto importante nel trainare la crescita dei lavori del futuro. Questo farà salire la domanda per i lavori della Care economy, come radiologi, fisioterapisti, assistenti per anziani, istruttori di fitness. Lo stesso fattore umano stimolerà la crescita dei lavori nel Marketing, Sales & Content (che include un’ampia gamma di figure, tra cui Social media assistant, digital marketing specialist, produttore e autore di contenuti, specialista dell’e-commerce) così come nel People & Culture (con ruoli come lo specialista della Talent acquisition o l’Information Technology recruiter).

Nel futuro più lavori nella Care economy, ma AI e Cloud crescono di più

Le professioni più richieste nel periodo 2020-2022 saranno quelle del cluster della Care economy, dove si prevede il 37% di tutte le nuove opportunità di lavoro: in cima alla lista i professionisti che trascrivono i referti medici registrati vocalmente. Tra i ruoli più richiesti seguono quelli dei cluster Sales, Marketing & Content (17% delle nuove opportunità), Data & AI (16%), Engineering & Cloud Computing (12%), People & Culture (8%) e Green Economy (1,9%). Tuttavia, i tassi di crescita sono più elevati per le professioni delle categorie Data & AI (+41%), Green Economy (+35%) e Engineering & Cloud (+34%).

Continua a leggere questo articolo pubblicato su digital4.biz

Autore: Redazione