Formazione aziendale, la trasformazione digitale resta in cima alle priorità delle imprese

Postato da: Redazione
Categoria: Attualità
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito
https://www.innovationpost.it/wp-content/uploads/2021/09/e-learning-300x200.jpg

Nell’ambito della formazione aziendale, la trasformazione digitale si conferma la tematica più rilevante, indicata come tale dal 47% di grandi aziende e PMI: è quanto rileva il rapporto “Corporate Education Community”, realizzato da Polimi Graduate School of Management, la business school del Politecnico di Milano.

Il rapporto è stato realizzato a partire dai dati raccolti attraverso interviste a un campione di imprese composto per il 61% di grandi aziende e per il 39% di PMI, rappresentanti una comunità eterogenea di imprese provenienti da diversi settori e operanti in tutta Italia: commercio, servizi, produzione macchinari/attrezzature, informatica, consulenza, immobiliare, servizi finanziari, assicurazioni, automotive, TLC, pharma/sanità, ristorazione/alimentare, trasporti, gdo, hotellerie.

Formazione aziendale, i temi più rilevanti per le imprese

Il rapporto ha quindi evidenziato che il tema più rilevante per gli intervistati, sia grandi aziende che PMI, in ambito di formazione aziendale resta la trasformazione digitale.

Seguono in ordine di priorità il project management (27%), lo smart working (26%) e la diversity & inclusion (25%). Relativamente alla previsione sul budget da investire in formazione nel prossimo triennio, per il 39% di imprese si assisterà a una crescita, a fronte di un 33% che prevede una sostanziale parità, a conferma dell’importanza delle attività di upskilling e reskilling.

“È significativo che le aziende coinvolte nella survey riconoscano che le finalità principali della formazione siano legate all’aggiornamento professionale e alla necessità di tenersi allineati ai cambiamenti del contesto”, commenta Federico Frattini, Dean di Polimi Graduate School of Management.

 

Continua a leggere questo articolo pubblicato su Innovationpost.it

Autore: Redazione