Così la manifattura additiva rende l’industria del fashion più sostenibile e… alla moda

Postato da: Redazione
Categoria: Attualità
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito

Personalizzazione estrema, ridotti tempi di produzione, sostenibilità: sono i tre pilastri dell’industria del tessile… e della manifatturaadditiva. Che, ora, grazie a Stratasys, è parte integrante del mondo della moda. La multinazionale americana, che dagli attuali 600 milioni di dollari di fatturato nel prossimo biennio vuole diventare una one billion dollar company, ha ideato una stampante 3d progettata appositamente per la stampa diretta su tessuto. Il software di gestione del flusso di lavoro è specifico per le esigenze dell’industria tessile, così come i materiali utilizzati e l’automazione digitale. In questo modo ha dato una risposta concreta a una domanda di produzione sempre più customizzata, diversificata e flessibile, basata su volumi variabili. Una tendenza, d’altro canto, che si sta riscontrando in tutta l’industria manifatturiera.

«Già nel 2019, avevo previsto che in appena un paio d’anni avremmo visto la stampa 3D integrata nelle case di moda di fascia alta – commenta Naomi Kaempfer, Art, Design e Fashion Director di Stratasys – Quel momento è arrivato. Abbiamo imparato e abbiamo modificato quei progetti iniziali creando una nuova stampante dedicata che impiega la tecnologia 3DFashion e che sta permettendo agli stilisti di creare senza limiti. Questo è solo l’inizio del percorso mentre continuiamo a far progredire questa tecnologia e a sperimentare nuove innovazioni nel design della moda». Grazie alla tecnologia 3DFashion, che consente l’adesione del polimero a getto d’inchiostro su vari tipi di tessuti, questa stampante sta trainando la diffusione commerciale della tecnologia PolyJet nel settore della produzione di capi di haute couture, moda e accessori di lusso.

Stratasys J85 TechStyle: software, colori e tessuti per l’industria della moda passano dalla stampa 3D La stampa 3d di Stratasys applicata ai polimeri

La Stratasys J85 TechStyle, la più recente stampante 3D PolyJet del brand, permette ai marchi dell’haute couture e del lusso di stampare in 3D su tessuto e pelle. Il software GrabCad Print si avvale di impostazioni predefinite intelligenti: descrizioni, comandi e notifiche per guidare l’utente attraverso una stampa senza interruzioni di processi. Si tratta di un sistema compatibile con Industria 4.0, in grado di integrarsi completamente con i sistemi di esecuzione della produzione (Mes) e il piano digitalizzazione di ogni singola impresa.

 

Continua a leggere questo articolo pubblicato su industriaitaliana.it

Autore: Redazione