Come tener conto del fattore umano nell’automazione dei processi: il 20 ottobre il webinar Anipla

  • Postato da: Redazione
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito
https://www.innovationpost.it/wp-content/uploads/2021/10/anipla_2021_webinar_HF_2-1-300x228.jpg

 

Nonostante il dilagare della digitalizzazione in tutti i settori, il fattore umano gioca ancora un ruolo importante nell’esercizio dei sistemi di automazione. Operatori ed automi non si devono allora più vedere come antagonisti, ma sempre più integrati in una co-evoluzione rivolta a ottimizzare la gestione dell’impianto produttivo. Al tema Anipla, l’Associazione Nazionale Italiana Per L’Automazione, ha deciso di dedicare un webinar di aggiornamento professionale che si terrà il 20 ottobre.

L’interazione della tecnologia (sistemi di automazione) con il fattore umano coinvolge una serie di variabili (difficilmente prevedibili) che influenzano l’affidabilità del sistema complessivo (e complesso) “uomo-automi”: da un lato l’occorrenza di incidenti o quasi-incidenti è ancora spesso da attribuire a insufficienze (stress, sovraccarichi, sottovalutata complessità, mancanza di adeguato training) di tecnici ed operatori; dall’altro sono ancora gli stessi tecnici ed operatori a possedere l’esperienza, l’intelligenza e la versatilità per ottimizzare o gestire situazioni complesse ed impreviste.

Per questi motivi diventa dunque importante pianificare e progettare i sistemi di automazione tenendo conto del fattore umano, in modo che in un impianto sempre più automatizzato il personale addetto all’esercizio possa limitarsi al ruolo di direttore d’orchestra e coordinamento tra i numerosi sistemi di automazione, diagnostica e analisi dati.

Il webinar vuole fornire sia il contesto metodologico nel quale inquadrare questi aspetti, che una panoramica su alcune tecnologie finalizzate a potenziare la sinergia tra uomini e sistemi; esso è pertanto rivolto agli operatori di impianto, ai responsabili dei sistemi di controllo e di supervisione, ai responsabili di produzione, ai responsabili dei servizi OT e IT.

 

Continua a leggere questo articolo pubblicato su Innovationpost.it

Autore: Redazione