Come il digitale migliora i processi di gestione del credito bancario

  • Postato da: Redazione
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito

La gestione ottimizzata dei processi di gestione del credito è un’attività sempre più strategica per il business. La possibilità di disporre della liquidità sufficiente da investire non solo nella gestione ordinaria dell’impresa ma anche nella crescita delle sue attività si scontra troppo spesso con una realtà fatta di finanziamenti negati o troppo onerosi. La stretta creditizia – il cosiddetto credit crunch – negli ultimi anni ha influito pesantemente sulle vicende di molte organizzazioni. La corretta gestione del capitale circolante – e dei crediti commerciali, che ne rappresentano la componente principale – è quindi un elemento differenziante e un fattore critico di successo per l’azienda. I benefici che si possono ottenere, soprattutto in termini di riduzione degli oneri finanziari, sono potenzialmente enormi.

Quali sono, dunque, i principali benefici della gestione digitale del credito e i principali strumenti che è possibile usare per tenere sotto controllo al meglio il fabbisogno finanziario dell’azienda? Domande che molti Chief Financial Officer si pongono, ma non solo.

I riflessi contabili e finanziari della gestione del credito

La gestione del credito ha riflessi importanti sia a livello finanziario sia a livello contabile, in particolare in queste quattro aree:

Conto economico: influenza il livello degli accantonamenti FSC – Fondo Svalutazione Crediti – e le eventuali perdite sui crediti Stato patrimoniale: la gestione del credito incide sul livello di capitale circolante Indici di bilancio: la gestione della liquidità si riflette sull’indice di indebitamento, l’equilibrio finanziario e il CCN (Capitale Circolante Netto) Rendiconto finanziario: i crediti rappresentano un elemento rilevante delle fonti di liquidità

L’adozione di strumenti per la corretta presa in carico di tutto il ciclo del credito, dalla fatturazione/esazione sino al post incasso è, quindi, oggi più che mai necessaria. È questo l’obiettivo della gestione della tesoreria, che permette di tenere sotto controllo l’andamento della situazione finanziaria dell’azienda programmando gli interventi necessari per garantire sempre la liquidità necessaria a far fronte agli impegni presi. Un’attività impegnativa, che richiede al team che l’ha in carico di operare un monitoraggio continuo dei flussi finanziari e predisporre quotidianamente gli aggiustamenti del caso. Ecco perché deve essere per quanto possibile automatizzata. Impensabile farlo senza l’aiuto di un software di gestione della tesoreria. Queste applicazioni permettono di tenere sotto controllo l’andamento delle entrate e delle uscite in modo da avere sempre il giusto equilibrio nel capitale circolante riducendo al minimo il peso degli oneri finanziari.

Continua a leggere questo articolo pubblicato su digital4.biz

Autore: Redazione