Avviso pubblico per aiuti alle micro, piccole e medie imprese operanti nel settore “Commercio”

  • Postato da: Redazione
>>Credit: Puoi leggere l'articolo originale che è stato pubblicato da questo sito

DGR N. 426/2019 E D.D. N. 610 DEL 30.12.2019. CUP: B29C19000000002 “POR FESR CAMPANIA 2014/2020 – RIENTRI JEREMIE – RIENTRI FONDO PMI – AVVISO PUBBLICO AIUTI ALLE MPMI OPERANTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO”

L’avviso è finalizzato ad accrescere la competitività delle imprese commerciali, attraverso la diffusione di soluzioni innovative ovvero la realizzazione di interventi finalizzati all’ampliamento dell’offerta commerciale ed è rivolto alle micro, piccole e medie imprese come classificate nell’Allegato I del Regolamento (UE) n. 651/2014, indipendentemente dalla loro forma giuridica, singole o in aggregazione, che abbiano unità oggetto dell’intervento nella Regione Campania, requisito in possesso al momento della richiesta del primo SAL, siano attive e operanti da almeno due anni alla data di pubblicazione dell’Avviso, abbiano quale attività principale alla data di pubblicazione dell’Avviso, così come registrato alla CCIAA competente, una fra quelle classificate dal codice ATECO 2007 Istat nella categoria G o I 56.00.00 (inclusi tutti i sottolivelli).

Sono escluse le imprese che svolgono quale attività principale una di quelle identificate dai codici Ateco 46.1 Intermediari del commercio (inclusi tutti i sottolivelli) e 47.8 Commercio al dettaglio ambulante (inclusi tutti i sottolivelli) ed in ogni caso imprese che, a prescindere dal codice Ateco, siano iscritte con la qualifica di imprese artigiane al Registro delle Imprese della CCIAA.

Possono, altresì, accedere alle agevolazioni di cui al presente Avviso le seguenti aggregazioni: a) i Consorzi o le Società Consortili di imprese; b) le Reti di Micro e Piccole Imprese (MPI) che intendano realizzare un progetto di rete.

L’ammontare delle risorse destinate al finanziamento del presente Avviso è pari a 10 Milioni di Euro.

Le tipologie di investimento ammissibili sono:

innovazioni organizzative tramite l’utilizzo delle TLC, innovazione di marketing ovvero l’implementazione di azioni di marketing che comportano cambiamenti alla promozione dei prodotti o nelle politiche di prezzo, e-commerce, investimenti per favorire il miglioramento delle performance ambientali aziendali attraverso la riduzione significativa degli impatti delle attività produttive dell’impresa, investimenti per migliorare i livelli di sicurezza nei luoghi di lavoro, formazione specialistica per le innovazioni introdotte.

Le spese ammissibili sono relative a opere murarie, sistemazioni impiantistiche, nel limite del 30% del totale del programma di spesa, macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica, mezzi mobili, identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo dell’attività oggetto delle agevolazioni, programmi informatici, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi e la relativa formazione specialistica, nel limite del 30% del programma di spesa, consulenza specialistica in tema di ICT, marketing e innovazione..

Continua a leggere questo articolo pubblicato su RIS 3

Autore: Redazione